Macabre : Your Window Is Open

Venghino signori! Venghino al folle, atroce bagno di sangue di un circo metal assassino che annun ... Venghino signori! Venghino al folle, atroce bagno di sangue di un circo metal assassino che annuncia il ritorno dei MACA ... thumbnail 1 summary

MacabreYour Window Is Open

Macabre - Your Window Is Open

Pubblicato il 16/10/2020 da lorenzobecciani

Venghino signori! Venghino al folle, atroce bagno di sangue di un circo metal assassino che annuncia il ritorno dei MACABRE: “Carnival Of Killers”. Il primo album della band in quasi dieci anni, “Carnival Of Killers”, uscirà il 13 novembre su Nuclear Blast Records, giusto in tempo per il 35° anniversario del gruppo.
 
Oggi la band ha pubblicato il secondo singolo 'Your Window Is Open'.
 
https://youtu.be/qHsgGk09gAM
 
Il video è stato realizzato dal premiato regista Ryan Oliver, che aveva già curato i video di 'The Atlas Moth', 'Bill & Phil', 'Child Bite' e 'Lair Of The Minotaur'. Egli l’ha prodotto con i colleghi al The Rot Shop, fabbrica e negozio di effetti speciali di Chicago dove la stessa squadra aveva realizzato materiale scenico ed effetti speciali per svariati artisti, tra cui MINISTRY e METALLICA. Per maggiori informazioni: http://www.DeathBlowProductions.com & http://www.ChicagoRot.com.   
 
Corporate Death dei MACABRE commenta: "Erano più di venticinque anni che non facevo una canzone su Richard Ramirez, quindi ho pensato di scriverne una nuova. Era sufficientemente cattivo da giustificare un intero concept album come facemmo per Dahmer, ma ‘Carnival Of Killers’ è un disco vario".
 
“Carnival Of Killers” è stato registrato e mixato da Tomek Spirala di Studio1134 con l’eccezione delle tracce di batteria, che sono state registrate al Kiwi Audio con l’aiuto di Mark Walker. La masterizzazione di “Carnival Of Killers” è stata curata da J.F. Dagenais presso i JFD Studios di Dallas, TX. La copertina à la “Dov’è Wally” che incontra il serial killer è stata creata da Corporate Death (il cantante / chitarrista Lance Lencioni) e dall’artista Laz Gein e mette in evidenza i riferimenti più memorabili dell’album.