Epica : Requiem For The Indifferent

Quando un gruppo dal sound vincente ed immediatamente riconoscibile pubblica l?album che non ci s ... Quando un gruppo dal sound vincente ed immediatamente riconoscibile pubblica l?album che non ci si aspetta, nella mente ... thumbnail 1 summary

EpicaRequiem For The Indifferent

Epica - Requiem For The Indifferent

Nuclear Blast Warner Music Group
Pubblicato il 11/03/2012 da Emanuele Biani
Epica - Requiem For The Indifferent
Quando un gruppo dal sound vincente ed immediatamente riconoscibile pubblica l?album che non ci si aspetta, nella mente dell'ascoltatore sorge un fondamentale dubbio: che il principale compositore abbia tenuto in seria considerazione le critiche raccolte fino a quel momento o che, viceversa, abbia voluto ignorarle del tutto. Anche senza entrare nel merito dei risultati prodotti da questa scelta, un dato di fatto appare certo e inconfutabile. Mark Jansen ha valutato con estrema attenzione qualsiasi attacco gli Epica abbiano subìto in un decennio d'attività? per poi fare comunque di testa sua. ?Requiem For The Indifferent? è un disco di rottura e per certi versi di transizione rispetto allo stile consolidato dai suoi predecessori, la rappresentazione dell'abiura allo status di ?female fronted band? che avrebbe garantito una prolungata fortuna commerciale, ma non il rispetto incondizionato a cui ogni vero artista ambisce. Sono deluse in partenza le aspettative di chi si preparava ad un derby di metal sinfonico tra le poetiche visioni fanciullesche dei Nightwish e l'approccio umanamente critico degli Epica, perché mai come oggi l'aderenza sonora tra i due gruppi è vicina al distacco totale. 'RFTI' è infatti un album cupo nelle atmosfere e volutamente ostico ai primi ascolti, un lavoro che pur risentendo in maniera inaspettata della trascurabile esperienza Mayan, si dimostra capace di focalizzarne al meglio le istanze estremiste e sperimentali. Intendiamoci, il marchio di fabbrica del sestetto olandese è in gran parte preservato ed il ruolo di Simone Simons risulta addirittura accresciuto per importanza concettuale e indirizzo stilistico, ma anziché svilupparsi in senso melodico e spudoratamente commerciale, le composizioni s'inerpicano spesso sui sentieri tortuosi delle proprie influenze progressive death. Non sempre l'esito pratico di una simile attitudine va di pari passo con la sua integrità teorica e, tra le variegate suite che caratterizzano la lunga durata del disco, capita d'imbattersi in episodi eccellenti come la già nota 'Monopoly On Truth', la multiforme title track e la stratosferica 'Deep Water Horizons', ma anche in piccoli pasticci come la struttura appena abbozzata di 'Guilty Demeanor' o la sconclusionata discontinuità di 'Deter The Tyrant'. Come nel precedente album, i brani di media durata finiscono per rivelarsi i migliori dell'intero lotto, e mentre il singolo 'Storm The Sorrow' conferma la sua crescita ascolto dopo ascolto, capita di trovarsi piacevolmente stupiti dalle tentazioni alla Dream Theater di 'Internal Warfare' e del tutto estasiati dall'incanto onirico della ballad 'Delirium'. Tirando le somme, per gli Epica il quinto album in dieci anni di carriera rappresenta un doppio traguardo che coincide con un nuovo punto di partenza: l'ammirevole rinuncia alle facili lusinghe del mercato in favore di un percorso creativo ambizioso e ricercato. Concedere una chance a tanto coraggio è il modo migliore per recitare il requiem dell'indifferenza.

Tracks

01. Karma
02. Monopoly On Truth
03. Storm The Sorrow
04. Delirium
05. Internal Warfare
06. Requiem For The Indifferent
07. Anima
08. Guilty Demeanor
09. Deep Water Horizon
10. Stay The Course
11. Deter The Tyrant
12. Avalanche
13. Serenade Of Self-Destruction
Epica
Epica
From: Olanda

Discografia

The Phantom Agony (2003)
Consign to Oblivion (2005)
The Score (An Epic Journey) (2005)
The Divine Conspiracy (2007)
Design Your Universe (2009)
Requiem For The Indifferent (2012)
The Quantum Enigma (2014)
The Holographic Principle (2016)
Omega (2021)