BRIAN BURGAN : Obey To Black

E' uscito a fine Novembre, per l'etichetta Pitch The Noise, il nuovo disco, quasi completamente a ... E' uscito a fine Novembre, per l'etichetta Pitch The Noise, il nuovo disco, quasi completamente autoprodotto, di Brian B ... thumbnail 1 summary

BRIAN BURGANObey To Black

BRIAN BURGAN - Obey To Black

Pubblicato il 17/01/2020 da lorenzobecciani

E' uscito a fine Novembre, per l'etichetta Pitch The Noise, il nuovo disco, quasi completamente autoprodotto, di Brian Burgan.

Un disco cupo e introverso, nato otto anni fa, un flusso di musica elettronica, ibrido tra UK-garage, glitch-pop con influenze ambient e dubstep. Un disco dedicato, involontariamente, a chi lo ha reso possibile, ma non lo ascolterà mai.

Un viaggio attraverso le stelle per scappare da quello che è la collezione dei nostri lividi, aspettando qualcuno che ne abbia di simili, per poterci abbracciare con la giusta delicatezza. Circondando la luce, a occhi chiusi.

Per i fan di Burial, Aphex Twin, Four Tet, Autechre, Jon Hopkins, HECQ, Trentemoller, Brian Eno, Boards Of Canada, Scuba, Jamie xx..

www.youtube.com/watch?v=5j-JWaaT93s

Tutti i brani sono stati composti da Brian Burgan tra il 2011 e il 2012

Voci e testo in Obey to black di Brian Burgan, Giorgia D’Eraclea (Giorgieness) e Giuliana Fioretti (G.Punto).

Così dichiara l'artista:

Amo giocare con tutto ciò che produce suono, siano strumenti tradizionali o oggetti di fortuna. Da ragazzino ascoltavo per giornate intere musica. Ricordo con grande gioia l’era degli mp3 e dello sharing. La scoperta continua di nuovi generi musicali e di tonnellate di suoni. A lato di questo consumavo i vinili dei Kraftwerk, Brian Eno, Genesis e Fabrizio De Andre (solo per citarne alcuni) della collezione di mio padre. Mi sono avvicinato in maniera pratica alla musica solo da giovane dopo aver trovato in soffitta la vecchia chitarra classica dello zio. Da li le prime registrazioni casuali e grezze con una vecchissima videocamera Sony. Montavo i suoni ottenuti in audacity e sperimentavo con operazioni di reverse, trasposizioni, cut and paste. Quando poi ho scoperto che c’era tutta
una scuola musicale (parlo della musica concreta francese e delle ricerche portate avanti dal centro GRM) dietro a questi miei espe- rimenti naif, mi sono dedicato in maniera mirata allo studio. In contemporanea al compimento della formazione al SAE di Milano è arrivata la prima laurea e poi la specialistica, tutte e due in musica elettronica, al conservatorio di Como.