Thulcandra : Germania

Ciao Steffen, ci siamo sentiti poche settimane fa per il nuovo album degli Obscura e adesso devi ... Ciao Steffen, ci siamo sentiti poche settimane fa per il nuovo album degli Obscura e adesso devi promuovere il ritorno d ... thumbnail 1 summary

ThulcandraGermania

Thulcandra - Germania

Pubblicato il 22/12/2021 da lorenzobecciani

Ciao Steffen, ci siamo sentiti poche settimane fa per il nuovo album degli Obscura e adesso devi promuovere il ritorno dei Thulcandra. Ti saresti mai aspettato di fare più interviste che show?
Direi proprio di no. È un periodo infernale con tutte queste interviste ma è sempre bello parlare della mia musica.

Il concetto di tempo è molto importante per 'A Dying Wish'. Intanto avete avuto un sacco di tempo per pubblicare questo nuovo album..
Hai ragione. Obscura è il mio gruppo principale e questo ha sempre portato via tempo ai Thulcandra. Inoltre abbiamo perso dei membri per strada e ciò ha comportato qualche problema in più. Con gli Obscura siamo sempre in tour, a parte gli ultimi due anni, e quindi possiamo discutere del futuro, scambiarci idee e così via. Con i Thulcandra è molto diverso. Anche il fatto di vederci per esempio.

Il secondo aspetto è che probabilmente avete avuto a disposizione piu' tempo di quello che vi sareste aspettati..
Sicuramente è stato così. Per questo la pre-produzione è stata notevole. Lavorare con Dan Swanö ci ha portato a preferire dinamiche diverse rispetto al passato.

Napalm Records ha presentato l’album scrivendo che il materiale è nella vena di Dissection, Entombed, Sacramentum e Unanimated. Personalmente gli Entombed non ce li sento proprio..
Nemmeno io, ma sono svedesi quindi è ok..  

In generale da cosa siete ispirati?
Dal metal dei primi anni ‘90 e nello specifico dai pochi che all’epoca non seguivano nessun trend. Ora siamo musicisti migliori rispetto a quando abbiamo iniziato ma il feeling è lo stesso. 
 
Il collegamento dei Thulcandra con i Darkthrone secondo me non è solo il nome. Siete riusciti a bilanciare bene il black norvegese col death svedese dei primi anni ‘90. 
Sono d’accordo anche se non pensiamo troppo a queste cose quando scriviamo musica. Siamo ispirati ad entrambe le scene così come dall’heavy metal classico ed in questo album si sente parecchio perché ci sono tanti passaggi di twin guitars.  

Il titolo a cosa si riferisce?
L’intero album è dedicato a Christian Kratzer, il nostro bassista tragicamente scomparso. Non è un concept comunque. 

Vedi una luce alla fine del tunnel?
In questo album ce n’è davvero poca. 
 
Cosa vi ha portato a collaborare con Dan Swanö?
Prima di tutto il numero spropositato di dischi a cui ha partecipato e che amiamo dall’inizio alla fine. Mi vengono in mente Edge Of Sanity, Opeth, Katatonia, Bloodbath ma la lista è molto lunga. Le parti di batteria sono state registrate a Monaco di Baviera mentre il resto nel mio studio personale. A quel punto avevamo bisogno di una persona che curasse il mixaggio e la masterizzazione e visto che Dan non lavora insieme alle band si è rivelata la scelta perfetta. Quello che gli abbiamo chiesto è niente overdub e un suono non troppo pulito. 
 
Quali differenze hai trovato tra lui e Fredrik Nordström?
Dal punto di vista del carattere non posso dirlo perché non ho incontrato Dan di persona. É comunque un nerd della strumentazione acustica e odia i suoni compressi. Fredrik invece è famoso per il suo suono di chitarra super potente e diretto. 

Ha senso affermare che la prima parte di ‘A Dying Wish’ è più diretta mentre la seconda più progressive? 
Non saprei dirti. Mi auguro sia bello ascoltare l’album dall’inizio alla fine. La title track ha una outro molto lunga e rispetto al precedente ‘Ascension Lost’, che avevo scritto praticamente tutto da solo, questo nuovo lavoro è caratterizzato da più colori e da un approccio più vario. Il nuovo chitarrista  M. Delastik ha dato un accento particolare alle parti black e doom. 

Quanto è complicato separare Thulcandra e Obscura?
A volte può esserlo ma solo in pochi casi. Gli Obscura sono una touring band con centinaia di show ogni anno e tutti i membri vivono di musica mentre con i Thulcandra ci vediamo ogni due settimane per provare o fare qualche concerto nella zona in cui viviamo.  

(parole di Steffen Kummerer)  

Thulcandra
From: Germania

Discografia

Fallen Angel's Dominion 2010
Under a Frozen Sun 2011
Ascension Lost 2015
A Dying Wish 2021