Sepultura : The Mediator Between Head And Hands Must Be The He

Dal momento in cui Max Cavalera ha deciso di intraprendere una strada differente da quella dei su ... Dal momento in cui Max Cavalera ha deciso di intraprendere una strada differente da quella dei suoi ex compagni il desti ... thumbnail 1 summary

SepulturaThe Mediator Between Head And Hands Must Be The He

Sepultura - The Mediator Between Head And Hands Must Be The He

Nuclear Blast Warner Music Group
Pubblicato il 16/10/2013 da lorenzobecciani
Sepultura - The Mediator Between Head And Hands Must Be The He
Dal momento in cui Max Cavalera ha deciso di intraprendere una strada differente da quella dei suoi ex compagni il destino di Soulfly e Sepultura è stato piuttosto simile. Picchi creativi anche sorprendentemente elevati si sono alternati a qualche passo falso di troppo confermando la sensazione che una reunion farebbe comodo ad entrambe le parti. Non la pensa allo stesso modo Derrick Green che con il passare delle release ha consolidato il suo ruolo di frontman e migliorato il rapporto con i fans di vecchia data a forza di performance live convincenti. La sua determinazione è senza dubbio un punto di forza del successore di 'Kairos' che è stato prodotto da un team comprendente Ross Robinson e Steve Evetts. Il primo può vantare un'esperienza consolidata in ambito nu metal con debutti di successo planetario come quelli di Korn, Deftones e Slipknot ma soprattutto aveva già collaborato con i brasiliani ai tempi dello straordinario 'Roots'. Il secondo ha inciso non poco sulla recente incarnazione della band occupandosi in passato dei suoni di 'Roorback' e 'Nation' e stavolta ha fatto in modo che il prodigio alla batteria Eloy Casagrande venisse esaltato il più possibile in fase di mixaggio. I riferimenti a Metropolis di Fritz Lang del concept e la presenza di Dave Lombardo completano un quadro avvincente nel quale 'Trauma Of War', 'The Vatican' e 'Grief' spiccano per insalubre immediatezza. Tra retaggi thrash e death, influenze tribali e stacchi ritmici imperiosi il pezzo che sorprende maggiormente è comunque 'The Age Of The Atheist' vero manifesto di una band che ha saputo confermarsi a livelli altissimi nonostante l'inevitabile usura. Da segnalare la pazzesca cover di 'Zombie Ritual' dei Death inserita nella limited edition.

Tracks

01. Trauma Of War
02. The Vatican
03. Impending Doom
04. Manipulation Of Tragedy
05. Tsunami
06. The Bliss of Ignorants
07. Grief
08. The Age Of The Atheist
09. Obsessed
10. Da Lama ao Caos
Sepultura
From: Brasile

Discografia

Morbid Visions (1986)
Schizophrenia (1987)
Beneath the Remains (1989)
Arise (1991)
Chaos A.D. (1993)
Roots (1996)
Against (1998)
Nation (2001)
Roorback (2003)
Dante XXI (2006)
A-Lex (2009)
Kairos (2011)
The Mediator Between Head and Hands Must Be the Heart (2013)
Machine Messiah (2017)
Quadra (2019)