Machine Head : The Blackening

Era il 1994 quando uscì ‘Burn My Eyes’, album che collocava i Machine Head nell’olimpo dei gruppi ... Era il 1994 quando uscì ‘Burn My Eyes’, album che collocava i Machine Head nell’olimpo dei gruppi promossi da Roadrunner ... thumbnail 1 summary

Machine HeadThe Blackening

Machine Head - The Blackening

Roadrunner Records
Pubblicato il 10/04/2007 da von
Machine Head - The Blackening
Era il 1994 quando uscì ‘Burn My Eyes’, album che collocava i Machine Head nell’olimpo dei gruppi promossi da Roadrunner. Da allora la band è passata è sopravvissuta alle mode, ai cambi di line up e alle crisi ‘di rito’ (subito dopo ‘Supercharger’ erano a un passo dallo scioglimento). Nel tardo 2006 la notizia dell’uscita di ‘The Blackening’ mi aveva lasciato completamente indifferente, visto il precedente ‘Through The Ashes Of Empires’ (sicuramente buono con troppi rimandi ai vecchi lavori). Temevo nell’ennesimo clone o magari ancora peggio in un cambio di stile in favore delle tendenze metalcore molto di moda ( ‘The Burning Red’ uscì nel bel mezzo del crossover, se facciamo due più due..). Alla luce di quanto detto non posso farvi capire qual è stata la mia faccia all’attacco di “Clenching The Fists Of Dissent”, non trovo parole appropriate per descrivere una canzone assolutamente perfetta nei suo dieci minuti di imponenza e ostentata ‘ignoranza’, un riff che lascia a bocca aperta supportato da una sezione ritmica assolutamente devastante. Si continua con ‘Beautiful Morning’ dall’inizio 100% Machine Head e subito dopo “Aesthetics Of Hate” caratterizzata da stop & go studiati appositamente per essere eseguiti dal vivo e permettere al pubblico di seguire Rob Flynn con il pugno teso verso il palco. Potrei continuare così per ognuna delle otto tracce che compongono il nuovo lavoro di un gruppo davvero ritrovato. Un’ora tra intrecci di chitarra e galoppate di batterie per uno dei pochi album usciti ultimamente che nonostante la lunghezza di ogni singolo pezzo non stanca mai ed al contrario guadagna punti ogni minuto che passa e ogni volta che lo si riascolta. Bentornato Robb.

Tracks

1. Clenching the Fists of Dissent
2. Beautiful Mourning
3. Aesthetics of Hate
4. Now I Lay Thee Down
5. Slanderous
6. Halo
7. Wolves
8. A Farewell to Arms
Machine Head
Machine Head
From: USA

Discografia

Burn My Eyes (1994)
The More Things Change... (1997)
The Burning Red (1999)
Supercharger (2001)
Through The Ashes Of Empires (2003)
The Blackening (2007)
Unto the Locust (2011)
Bloodstone & Diamonds (2014)
Catharsis (2017)