Casino Royale : Polaris

  Dieci anni di attesa sono tanti, ci sta poco da fare, ma alla fine si può dire che ne è va ...   Dieci anni di attesa sono tanti, ci sta poco da fare, ma alla fine si può dire che ne è valsa la pena. Il ritorno ... thumbnail 1 summary

Casino RoyalePolaris

Casino Royale - Polaris

Believe Digital
Pubblicato il 08/06/2021 da Francesco Brunale
Casino Royale - Polaris

 

Dieci anni di attesa sono tanti, ci sta poco da fare, ma alla fine si può dire che ne è valsa la pena. Il ritorno dei Casino Royale, dopo l’interessante “Io E La Mia Ombra”, è semplicemente strepitoso, a dimostrazione di come la classe dei milanesi non sia stata scalfita dal logorio del tempo e dalla rapidità delle mode passeggere che inghiottiscono tutto alla velocità della luce. Ecco è proprio da qui che dobbiamo partire per capire come questo disco (uscito solo in vinile e in formato digitale), che parla dei brutti tempi che stiamo attraversando, sia davvero un piccolo gioiello da conservare saldamente tra le proprie mani. “Fermi Alla Velocità Della Luce” è il singolo che ci apre il nuovo mondo in cui si trovano i roiali che poi, alla fine dei conti, è un solido insieme di certezze e capisaldi che hanno ispirato Alioscia e soci nel corso della loro carriera. Questo brano è di quelli in cui tutto funziona al meglio e dove la melodia si fonde alla perfezione con l’uso sapiente dell’elettronica. La cosa divertente è come il video, ad accompagnamento del singolo, sia una versione “alternativa – garage” della canzone, una sorta di omaggio dovuto ai Clash e ai Beastie Boys con un basso mastodontico che porta a spasso il resto della ciurma. Se uno, invece, desidera ambientazioni più jungle, tese a ricordare la seconda metà degli anni novanta, viene immediatamente servito con l’ipnotico strumentale “Fame D’Aria” che è uno di quei temi che andrebbe ascoltato e riascoltato in loop. Non mancano le sorprese, perché qui dentro nulla è scontato. La fase orchestrale, che tanto ricorda le musiche del maestro Morricone, viene presa in esame con “Contro Me Stesso E Al Mio Fianco”, mentre “Ho Combattuto” potrebbe essere la “Teardrop” degli anni venti. “Scenario”, invece, è un cambio di registro. Alioscia non canta, ma parla accompagnato da una strumentazione plumbea con violoncelli a fare da tappeto sonoro a un pezzo che rappresenta una esclusiva novità nella discografia della band. “Tra Noi” in versione doppia è, invece, un classico tratto della storia musicale del combo lombardo, con quell’insieme di atmosfere surreali e sognanti che hanno reso unica una realtà impossibile da catalogare, ma che ha avuto il merito nel corso degli anni di mantenere dritta la schiena, senza perdersi in banalità e fenomeni irrisori che sono stati più veloci di un tiro di sigaretta.

 

Casino Royale
From: Italia

Discografia

1988 - Soul of Ska
1990 - Jungle Jubilee
1990 - Ten Golden Guns
1991 - Skaravanpetrol
1993 - Dainamaita
1995 - Sempre più vicini
1997 - CRX
2006 - Reale
2007 - Not in the Face
2011 - Io e la mia ombra
2021 - Polaris