Umberto Palazzo : L'Eden Dei Lunatici

Il lockdown, se ha prodotto immobilismo da un punto di vista dei concerti, ha, altresì, dato la p ... Il lockdown, se ha prodotto immobilismo da un punto di vista dei concerti, ha, altresì, dato la possibilità ai musicisti ... thumbnail 1 summary

Umberto PalazzoL'Eden Dei Lunatici

Umberto Palazzo - L'Eden Dei Lunatici

Diggers Factory
Pubblicato il 08/07/2020 da Francesco Brunale
Umberto Palazzo - L'Eden Dei Lunatici

Il lockdown, se ha prodotto immobilismo da un punto di vista dei concerti, ha, altresì, dato la possibilità ai musicisti di poter stare più tranquilli e di poter dedicarsi maggiormente alla fase compositiva. Non è un caso che, come a fulmini a ciel sereno, sono usciti dischi incredibili come quello, ad esempio, che ha visto protagonisti Edda e Gianni Maroccolo. Ora, in piena estate, arriva un altro lavoro singolare a firma di Umberto Palazzo, altro reduce dai fantastici anni novanta. “L’Eden Dei Lunatici” è un album sorprendente, fresco e pieno di belle canzoni che strizzano decisamente l’occhio ad un monumento della musica italiana qual è Lucio Battisti. Un riferimento strano, se si pensa a ciò che ha fatto nella prima parte della sua carriera l’artista vastese con i suoi Santo Niente. Qui, invece, sembra davvero di ritornare alle musicalità tanto care all’autore de “Il Mio Canto Libero”. Se si ascoltano due perle come “Il Moscone” o “La Riviera” ci si rende immediatamente conto di come certe sonorità siano ancora attuali e brillanti. In realtà, Palazzo, non solo omaggia, ma è ispirato all’ennesima potenza, dal momento che ogni composizione brilla di luce propria. Non siamo nel campo delle canzonette estive, ma in quello dei brani con la B maiuscola dove nulla è lasciato al caso. “Incontri Misteriosi”, con quel suo suono funky, è un incrocio perfetto tra i Red Hot Chili Peppers ed i Beastie Boys di Paul’s Boutique, tanto per far capire come il Nostro si sappia muovere su più fronti. Stessa cosa per “La Baia” che è un altro pezzo funkeggiante e solare. La titletrack ha ancora Battisti come linea guida, mentre “L’Unica Ricchezza” ha dei tratti più riflessivi, quasi psichedelici. Sul finire “Mare Di Notte” e “Rita Qualcosa” definiscono con la loro bellezza un disco d’altri tempi che ha al suo interno la capacità di sorprendere e di farci tornare ragazzi.

Umberto Palazzo
From: Italia

Discografia

Canzoni Della Notte E Della Controra - 2011
L'Eden Dei Lunatici - 2020