Paradise Lost : Obsidian

Alla fine anche gli inglesi hanno ceduto alle pressioni dell’etichetta e hanno dato alle stampe u ... Alla fine anche gli inglesi hanno ceduto alle pressioni dell’etichetta e hanno dato alle stampe un disco che celebra le ... thumbnail 1 summary

Paradise LostObsidian

Paradise Lost - Obsidian

Nuclear Blast Warner Music Group
Pubblicato il 04/05/2020 da lorenzobecciani
Paradise Lost - Obsidian

Alla fine anche gli inglesi hanno ceduto alle pressioni dell’etichetta e hanno dato alle stampe un disco che celebra le fasi più importanti della loro carriera. Le influenze death recuperate con ‘The Plague Within’ non sono state messe da parte ed è sufficiente ascoltare il successore di ‘Medusa’ per rendersi conto come sia stato strutturato con saggezza: un paio di pezzi decisamente doom, un altro paio che rappresentano un’immersione nel fantastico periodo di ‘Icon’ e ‘Draconian Times’, qualche risvolto melodico più commerciale ed alcune visioni davvero malinconiche e funebri, in rispetto del glorioso passato. Il fatto è che ‘Obsidian’ sarà affabile quanto volete ma è pur sempre un grande disco. Sembra proprio che a Nick Holmes e Greg Mackintosh non riesca sbagliare un colpo, pur mantenendo tempi di pubblicazione piuttosto rapidi e costanti. Il primo regala dei passaggi in growl da brividi, solletica il bisogno di gothic che c’è in tutti noi e quando accenna a cantare pulito non ce n’è per nessuno. Il secondo ha goduto, più di tanti altri colleghi della stessa generazione, della freschezza ritrovata con i progetti paralleli e così, dopo aver goduto del suo ritorno alle origini con Vallenfyre e Strigoi, i fan possono apprezzare ancora la bellezza di assoli come quello che taglia in due ‘The Devil Embraced’. ‘Fall From Grace’ salvaguarda il legame col precedente lavoro in studio mentre ‘Darker Thoughts’, magnifico arrangiamento in cui si mette in luce Waltteri Vayrynen, e ‘Ghosts’, clamorosa l’interpretazione del frontman, sono pezzi che manderanno fuori di testa i vecchi appassionati e potranno guadagnarne di nuovi. ‘Serenity’ li farà sentire più giovani, ancora vigorosi e sensibili come a metà anni ‘90, ed infine ‘Hope Dies Young’ darà loro la mazzata definitiva, lasciandoli totalmente inerti al cospetto di un impianto sonoro potente e drammatico, che non ha eguali. In fase di presentazione miseria, trapasso ed eclettismo erano stati posti avanti a tutto; dopo aver assorbito fino in fondo le atmosfere lugubri di ‘Obsidian’ posso dirvi che potrà sul serio rappresentare la colonna sonora ideale per la vostra indagine interiore. Un’analisi profonda di ciò che siete dalla quale, un po' come dalla morte, non potete fuggire.

 

Paradise Lost
Paradise Lost
From: UK

Discografia

Lost Paradise (1990)
Gothic (1991)
Shades of God (1992)
Icon (1993)
Draconian Times (1995)
One Second (1997)
Host (1999)
Believe in Nothing (2001)
Symbol of Life (2002)
Paradise Lost (2005)
In Requiem (2007)
Faith Divides Us - Death Unites Us (2009)
Tragic Idol (2012)
The Plague Within (2015)
Medusa (2017)
Obsidian (2020)