Sabaton : The Great War

Non sono molto social ma ogni tanto mi piace curiosare sulle pagine Facebook o Instagram dei grup ... Non sono molto social ma ogni tanto mi piace curiosare sulle pagine Facebook o Instagram dei gruppi più famosi per veder ... thumbnail 1 summary

SabatonThe Great War

Sabaton - The Great War

Nuclear Blast Warner Music Group
Pubblicato il 20/07/2019 da lorenzobecciani
Sabaton - The Great War

Non sono molto social ma ogni tanto mi piace curiosare sulle pagine Facebook o Instagram dei gruppi più famosi per vedere che tipologia di commenti ricevono. Vi assicuro che una mezz’ora sui canali degli svedesi potrebbero aprirvi gli occhi su come la comunità metal non sia cambiata molto negli ultimi decenni. Questo è probabilmente il motivo per cui il genere è uno dei pochi che continua a vendere nei negozi ma è comunque spassoso vedere quante persone credono alla messa in scena degli autori di ‘Carolus Rex’ e aggiungo che, se i Manowar vengono cacciati dall’Hellfest per le eccessive richieste, i Sabaton hanno tutto quello che serve per accontentare adolescenti con un paio di t-shirt nell’armadio e quaranta-cinquantenni che basano la loro vita sui valori dell’heavy metal. ‘The Great War’ è la solita operazione mastodontica che Nuclear Blast ama effettuare con le band che garantiscono maggiori entrate. Le similitudini tra la promozione dei Nightwish e quella dei Sabaton è infatti palese ed il risultato positivo è garantito. Rispetto al precedente ‘The Last Stand’, l’impressione è che Joakim Brodén e compagni abbiano voluto dare alle stampe un disco più vario, sia dal punto di vista delle melodie vocali che da quello delle ritmiche, che permettesse all’ascoltatore di calarsi al meglio nella storia. ‘The Red Baron’ e ‘Fields Of Verdun’, che vede la partecipazione di Thobbe Englund, sono gli strumenti giusti per allargare ulteriormente la fanbase e non impiegheranno molto a diventare dei classici dal vivo. ‘82nd All The Way’ è uno degli episodi più commerciali, ‘Devil Dogs’ è il ciassico pezzo diretto e sfrontato che piacerà tanto alla vecchia guardia mentre ‘A Ghost in the Trenches’ la via di mezzo ideale tra queste due dimensioni. Da segnalare l’esordio di Tommy Johansson, che nei mesi scorsi abbiamo apprezzato con i Majestica, e la produzione ineceppibile di Jonas Kjellgren. Fino al prossimo conflitto bellico, augurandoci che sia solo finzione.

 

 

Tracks

01. The Future of Warfare
02. Seven Pillars of Wisdom
03. 82nd All the Way
04. The Attack of the Dead Men
05. Devil Dogs
06. The Red Baron
07. The Great War
08. A Ghost in the Trenches
09. Fields of Verdun
10. The End of the War to End All Wars
11. In Flanders Fields
Sabaton
Sabaton
From: Svezia

Discografia

Primo Victoria (2005)
Attero Dominatus (2006)
Metalizer (2007)
The Art of War (2008)
Coat of Arms (2010)
Carolus Rex (2012)
Heroes (2014)
The Last Stand (2016)
The Great War (2019)