The Winstons : Smith

Il trio anarchico ancestrale e psichedelico si muove con tecnica sopraffina tra jazz, prog e gara ... Il trio anarchico ancestrale e psichedelico si muove con tecnica sopraffina tra jazz, prog e garage. A tratti la loro mu ... thumbnail 1 summary

The WinstonsSmith

The Winstons - Smith

Tarmac/Sony
Pubblicato il 22/06/2019 da Federica Rocchi
The Winstons - Smith

Il trio anarchico ancestrale e psichedelico si muove con tecnica sopraffina tra jazz, prog e garage. A tratti la loro musica ci proietta direttamente agli anni ‘60 quando il rock stava per diventare un fenomeno di massa. In altri frangenti si passa dal Canterbury Sound ai Kula Shaker, dai Who ai Kinks, dai Blind Melon allo space rock, per un viaggio cosmico che trascina l’ascoltatore in un vortice incredibile. Dopo le reprise di ‘Golden Brown’ degli Stranglers e ‘Pictures At An Exhibition’ di Modest Mussorgskij, Enrico Gabrielli, Roberto Dell’Era e Lino Gitto hanno reso le melodie ancora più irresistibili, i passaggi più heavy ancora più heavy e quelli più sognanti ancora più sognanti. Una ricetta in apparenza semplice che si concretizza con numerose collaborazioni tra cui quelle con Nic Cester (Jet), Mick Harvey (Bad Seeds) e Richard Sinclair (Caravan). ‘Ghost Town’ e ‘A Man Happier Than You’ le tracce più memorabili.

Tracks

Mokumokuren
Ghost Town
Around The Boat
Tamarind Smile/Apple Pie
A Man Happier Than You
Not Dosh For Parking Lot
The Blue Traffic Light
Blind
Impotence
Soon Everyday
Sintagma
Rocket Belt
The Winstons
From: Italia

Discografia

The Winstons - 2016
Smith - 2019