Helsótt : Slaves And Gods

I californiani sfornano il disco pagan metal dell’anno assieme a ‘Exile Amongst The Ruins’ dei Pr ... I californiani sfornano il disco pagan metal dell’anno assieme a ‘Exile Amongst The Ruins’ dei Primordial. In passato au ... thumbnail 1 summary

HelsóttSlaves And Gods

Helsótt - Slaves And Gods

M-Theory Audio
Pubblicato il 25/09/2018 da lorenzobecciani
Helsótt - Slaves And Gods

I californiani sfornano il disco pagan metal dell’anno assieme a ‘Exile Amongst The Ruins’ dei Primordial. In passato autore di un paio di EP e del full lenght di debutto ‘Woven’, la band guidata da Eric Dow ha saputo spingersi un livello superiore sia in termini compositivi che per quanto concerne la produzione. Il suono di ‘Slaves And Gods’ infatti ti colpisce fin da subito, martella senza sosta e la fusione tra death, symphonic e folk metal, con l’aggiunta di elementi presi in prestito dall’hardcore punk e dal classic rock, viene esaltata da un mixaggio superbo. Il merito è di Jean-François Dagenais (Kataklysm, Despised Icon) che è riuscito a dare un’identità sonora al combo senza appiattire le dinamiche o rendere l’album uguale a tanti altri che escono nei negozi. A colpire è poi la costruzione delle parti vocali che ha visto l’intervento di un numero spropositato di ospiti. Bjorn Friedrichsen, chitarrista di Sanguineus e Withered Moon, è presente in quasi tutti gli episodi ma nei crediti spiccano anche Maria Arkhipova e Lazar degli Arkona, Dr. Leif Kjonnsfleis e Trollmannen dei Trollfest, Lethien e Damna degli Elvenking e Dom Crey degli Equilibrium. Una sorta di all-star team del folk metal che non impedisce al frontman, al chitarrista Mark Dow ed al drummer Cooper Dustman di ben figurare. Da brividi la title track e ‘The Coward’s Curse’ che aprono le danze e ‘Eye Of The Past’, traccia che riscrive le regole del genere partendo dai valori più antichi e fondanti e spingendo l’ascoltatore in un’ambientazione moderna e credibile. Da segnalare la copertina di Felipe Machado Franco (Rhapsody Of Fire, Blind Guardian) e la rilettura di ‘Runnin’ Down A Dream’ dei Tom Petty. Una malattia fatale che colpirà tutti.

 

Tracks

01. Slaves And Gods
02. The Coward's Curse
03. Winter Smells Like Death
04. Whiskey Breath
05. Eye Of The Past
06. Trollskald
07. Zep Tepi
08. Return Hyperborea
09. Honour Thy Valkyrie
10. Runnin' Down A Dream
Helsótt
From: USA

Discografia

Woven - 2014
Slaves And Gods - 2018