Björk : Utopia

Come al solito l’ex Sugarcubes stupisce, divide e ammalia. ‘Utopia’ è l’ennesimo disco che farà d ... Come al solito l’ex Sugarcubes stupisce, divide e ammalia. ‘Utopia’ è l’ennesimo disco che farà discutere, fin dalle fot ... thumbnail 1 summary

BjörkUtopia

Björk - Utopia

One Little Indian
Pubblicato il 21/11/2017 da lorenzobecciani
Björk - Utopia

Come al solito l’ex Sugarcubes stupisce, divide e ammalia. ‘Utopia’ è l’ennesimo disco che farà discutere, fin dalle foto promozionali in cui indossa uno strap-on e la sua immagine è fuorviata da tecniche grafiche in uso negli anni settanta o anche prima, e che necessita di numerosi ascolti prima di sviscerare tutte le sue sfumature oscure. Un disco subdolo eppure leggiadro, in cui la sua voce fantastica emerge più che in ‘Vulnicura’, ‘Blissing’ e ‘The Gate’ ne sono l’esempio, ma che non concede tregua alla sperimentazione, da tempo caratteristica fondante dell’opera dell’islandese. L’anno passato ho avuto la fortuna di assistere alla sua esposizione digitale ed al concerto grandioso all’Harpa di Reykjavík, nel corso della diciottesima edizione di Iceland Airwaves, e in tale occasione ho capito cosa significa essere la Regina di un Paese, essere la sola artista in grado di far fermare tutti, di piegare al suo volere stampa e televisione, nonostante un atteggiamento distaccato e a volte scorbutico. Una musicista che non ha bisogno di ulteriori spiegazioni e che ha trovato con Alejandro Ghersi, autore di recente dei bellissimi ‘Mutant’ e ‘Arca’, un dialogo comune, un outlet espressivo, tecnologico ma legato ai vecchi valori, in grado di tagliare in due la sparuta concorrenza in ambito elettronico e alt-pop. Oltre settanta minuti nei quali il concetto di utopia viene affrontato sotto più punti di vista, su tutti quello politico e quello ambientale. Da brividi l’inizio di ‘Arisen My Senses’, la suite ‘Body Memory’ e ‘Tabula Rasa’, quattro minuti in apparenza interminabili in cui Björk cambia non so quante volte timbro vocale pur restando fedele all’atmosfera onirica e avanguardistica in sottofondo. Lei stessa ha definito ‘Utopia’ come un album che possiede la medesima visione di Tinder, l’app che permette di fissare un incontro con qualche foto e pochi click. La connessione è quella. Estremamente sfuggente. 

Tracks

1. Arisen My Senses
2. Blissing Me
3. The Gate
4. Utopia
5. Body Memory
6. Features Creatures
7. Courtship
8. Loss
9. Sue Me
10. Tabula Rasa
11. Claimstaker
12. Paradisa
13. Saint
14. Future Forever
Björk
From: Islanda

Discografia

1977 – Björk
1993 – Debut
1995 – Post
1997 – Homogenic
2001 – Vespertine
2004 – Medúlla
2007 – Volta
2011 – Biophilia
2015 – Vulnicura
2017 – Utopia