Vök - Feeding On A Tragedy

Nettwerk Bertus
Pubblicato il 11/10/2021 da lorenzobecciani

A due anni di distanza da ‘In The Dark’, il secondo full lenght che aveva segnato il passaggio del batterista Einar Hrafn Stefánsson (Hatari) alla chitarra al posto di Ólafur Alexander Ólafsson (Enginn), gli islandesi danno alle stampe un altro mini incredibile che li conferma ai vertici della scena alternative pop mondiale. La voce ed i synth di Margrét Rán Magnúsdóttir fanno sempre la differenza ma a stupire è la varietà compositiva di questo gruppo che anche stavolta si è chiuso nel proprio studio di Reykjavík con James Earp, produttore tra gli altri di Lewis Capaldi e Alex Hepburn. Il risultato sono quattro tracce che mostrano una nuova direzione artistica ed allo stesso tempo evolvono le sfumature elettroniche che in passato ci hanno fatto innamorare di ‘Figure’ e degli altri mini ‘Tension’ e ‘Circles’. ‘Running Wild’ inaugura la scaletta mettendo in luce una ricerca sonora di spessore, oltre alle parti vocali spettacolari di Margrét, mentre ‘No Coffee At The Funeral’ e ‘Lost In The Weekend’ sono due potenziali hit che dal vivo potrebbero crescere ulteriormente. L’apice del mini è però ‘Skin’, singolo futuristico capace di mettere i brividi. Consapevole del loro valore non mi aspettavo niente di meno ma devo ammettere che i Vök sanno sempre come accendere l’anima nordica che c’è in me, trasportarmi lontano con la mente e regalarmi emozioni uniche.

Tracks

1. Running Wild
2. No Coffee at the Funeral
3. Skin
4. Lost in the Weekend


Vök (Islanda)  http://www.vok.is

Discografia

Figure (2017)
In The Dark (2019)