FabLab - Two

RNC
Pubblicato il 13/07/2021 da Francesco Brunale

Per chi non lo sapesse, i FabLab sono il nuovo progetto di Alessandro Ranzani, Giovanni Frigo e Gianluca Battaglion, ovvero tre quinti dei Movida. Dopo l’esordio omonimo di qualche anno fa ed uscito solamente sulle piattaforme digitali, questa volta gli esperti musicisti hanno deciso di fare le cose diversamente rispetto al passato più recente. Si sono presi tutto il tempo necessario per realizzare questa seconda fatica ed hanno trovato un contratto discografico con la RNC Music. Inoltre, a differenza del suo predecessore, “Two” è cantato in inglese con il chiaro obiettivo di essere venduto e diffuso anche aldilà delle Alpi. Il desiderio di poter espandere gli orizzonti trova conforto nella realtà, dal momento che questo secondo disco ha un suono decisamente internazionale ed è contornato da ottime canzoni, alcune delle quali orecchiabili e tremendamente efficaci da un punto di vista radiofonico (“Tightrope” e “Like Waves” hanno tutto per poter avere una diffusione capillare non solo nel territorio italiano). Il rock della band madre, chiaramente, non è elemento che si sopisce, dal momento che l’opener “I Don’T Believe in Redemption” è una bella botta con cui aprire questa nuova fatica. Ci sono sprazzi degli ultimi Soundgarden in “The Five Red Lights”, piccolo gioiello in cui gli elementi acustici si frappongono a ritmi cadenzati e cupi che non possono non riportare alla mente gli scritti realizzati dall’ultimo Cornell con la band che lo portò alla gloria (“Black Saturday”). In “Two” si trovano anche episodi più riflessivi come “There’s A Time”, ballad coinvolgente, mentre “T-Love” è il classico brano da viaggio che ti rapisce per ampiezza del sound e melodie accattivanti ed in cui si riscontrano influenze anni 80 oltre a qualcosa dei Pragma (altro ottimo progetto di Ranzani). Per non farsi mancare nulla il trio ripesca anche dal suo passato rileggendo “Estasi e Follia”, presente nel disco d’esordio, che qui si trasforma in “Staring At The Road”. La bellezza della song rimane immutata e se qualche giovincello vuole capire come si scrive una canzone rock con gli attributi può farlo andando ad ascoltarla con attenzione, perché ne rimarrà ammaliato ed affascinato. Discorso a parte merita la semiacustica “A Place For You And I”, che potrebbe elevarsi a “MVP” del disco, in quanto non manca in niente. Le ultime perle, poste in fondo al disco, come “Satellites” (altro pezzo da 90) e “Tomorrow” non fanno altro che consolidare il pensiero che accompagna da sempre i tre Movida che non hanno, nel corso della loro lunghissima carriera, mai fallito un appuntamento. “Two” è semplicemente un disco fatto con il cuore e con la classe che ha sempre contraddistinto questi ragazzi che hanno, ancora oggi, un entusiasmo che farebbe impallidire i ragazzini dei giorni nostri.

 

Tracks

1. I Don’t Believe In Redemption
2. T-Love
3. Tightrope
4. The Five Red Lights
5. Like Waves
6. There’s A Time
7. Staring At The Road
8. A Place For You And I
9. Satellites
10. Tomorrow


FabLab (Italia)  https://www.facebook.com/FabLabBand

Discografia

FabLab - 2018
Two - 2021