In The Company Of Serpents - Lux

Self Released
Pubblicato il 10/07/2021 da lorenzobecciani

È più forte di me. Non riesco a capire il motivo per cui la stampa specializzata e le etichette stesse, perché ormai è una cattiva abitudine diffusa, debbano per forza tentare di catalogare qualcosa che funziona proprio perché è arte libera senza elucubrazioni mentali. Per troppi anni invece si è tentato di inserire lo sludge-doom in una scatola e confezionarlo quasi fosse un pacco dono. Così facendo si è finito per perdere l’essenza di un genere che nasce da furiose jam e vive, per definizione, di sperimentazione. Il gruppo proveniente dal Colorado, giunto alla quarta fatica su lunga distanza, non è senza dubbio alla ricerca di successi radiofonici o soluzioni melodiche intriganti e, dopo l’ottimo ‘Ain-Soph Aur’, ha pubblicato un monolite di otto tracce, difficili da decifrare ed in grado di abbattere nuove barriere sonore. In dieci anni di attività, i due chitarristi Grant Netzorg, responsabile pure delle sinistre parti vocali, e Ben Pitts, anche nei NightWraith, hanno sviluppato un’intesa perfetta e l’incedere marziale che ne scaturisce rappresenta uno dei punti di forza della release. A distinguere il trio nel marasma di formazioni sludge-doom è però soprattutto J.P. Damron, batterista già nei Vermin Womb, il cui contributo in trip selvaggi quali ‘The Fool’s Journey’ e ‘Lightchild’ appare micidiale. Un disco nel quale un riffing portentoso, con un paio di richiami evidenti all’omonimo esordio, si pone in aperto contrasto con insalubri passaggi meditativi e frangenti in cui la componente stoner emerge lampante e rende l’atmosfera ancora più nebulosa e ipnotica. Perché tutto è luce. Tutto è ‘Prima Materia’.

 

In The Company Of Serpents (USA)  https://www.facebook.com/InTheCompanyOfSerpents

Discografia

In the Company of Serpents 2012
Of the Flock 2013
Ain-Soph Aur 2017
Lux 2020