Jay Perkins - Release

Ala Bianca
Pubblicato il 21/03/2020 da lorenzobecciani

Un suono cinematico e molto caldo quello del secondo lavoro di Paolo Cattaneo e Giovanni Battagliola. Il titolo è quanto mai emblematico perché con ‘Release’ si intende proprio un’uscita discografica, una pubblicazione fisica in tempi in cui il mercato barcolla e tenta di reinventarsi. Le contaminazioni sonore di ‘Decay’ sono ancora presenti e Radik Tyulyush dei Huun Huur Tu, gruppo musicale originario della repubblica russa di Tuva, situata al confine con la Mongolia, impreziosisce l’iniziale ‘JP7’. Non so se abbia senso parlare di singolo ma di sicuro il pezzo setta gli standard qualitativi per l’intero album e introduce l’ascoltatore in atmosfere cupe nelle quali il groove è sempre protagonista. In fase di intervista cercheremo di capire di più cosa si cela dietro a queste sigle ma di sicuro il fatto di non imbattersi in titoli consueti incuriosisce ed accresce il fascino emanato da ‘Release’. Al di là dei paragoni che si leggono in rete, si va da Jon Hopkins a Nils Frahm passando per i Tangerine Dream, la sensazione è quella di essere al cospetto di un profilo internazionale elevato, su due piedi mi vengono in mente Caterina Barbieri e Plaster, che ci auguriamo quindi possa rappresentare nel mondo il gusto dell’analogico puramente italiano. Spettacolare la tromba di Fulvio Sigurtà, che li accompagna pure dal vivo, in ‘JPF4’.

Tracks

JP7
JPG6
JPN3B
JP11
JPL2
JP2
JPF4


Jay Perkins (Italia)  http://www.jay-perkins.com

Discografia

Decay - 2019
Release - 2020