Review - Steven Wilson : Home Invasion - In Concert at the Royal Albert Hal

A dimostrazione che, specialmente nel mondo della musica, è difficile slegarsi in maniera totale ... A dimostrazione che, specialmente nel mondo della musica, è difficile slegarsi in maniera totale dal proprio passato, ‘T ... thumbnail 1 summary

Steven WilsonHome Invasion - In Concert at the Royal Albert Hal

Steven Wilson - Home Invasion - In Concert at the Royal Albert Hal

Eagle Rock/Universal
Pubblicato il 24/11/2018 da lorenzo becciani
Steven Wilson - Home Invasion - In Concert at the Royal Albert Hal

A dimostrazione che, specialmente nel mondo della musica, è difficile slegarsi in maniera totale dal proprio passato, ‘The Raven That Refused To Sing (And Other Stories)’ è il solo album che ha accontentato un po' tutti. Anche i fan dei Porcupine Tree e gli amanti del prog classico, disturbati dal fatto che Steven Wilson avesse deciso di mettere in pausa a tempo indeterminato la sua band principale, si sono dovuti inchinare di fronte ad un talento straordinario e ad una visione sonora e concettuale senza precedenti. In seguito sono usciti ‘Hand.Cannot.Erase.’, caratterizzato da una produzione moderna e nel complesso più sperimentale, e ‘To The Bone’, col quale Steven Wilson ha mostrato ancora più coraggio. È dal vivo però che l’artista inglese è cresciuto in maniera spaventosa, invitando nella sua band musicisti del calibro di Nick Beggs e Adam Holzman e curando nei dettagli produzione e componente visuale. Il presente Blu-Ray, che ho potuto godere in Dolby Atmos upgradando il DTS Surround originale, è la testimonianza di tre concerti consecutivi e sold-out tenuti alla Royal Albert Hall di Londra che nel corso della sua storia ha ospitato i più grandi eventi di musica classica e rockstar di primo piano come Eric Clapton, Pink Floyd, Led Zeppelin e Queen. Sia dal punto di vista sonoro che da quello della performance, ‘Home Invasion’ si rivela un prodotto fantastico con un mixaggio stratosferico, un intelligente uso dello slow motion, una fotografia strepitosa e molteplici sfumature per un’esperienza immersiva. L’apporto di Ninet Tayeb è importante al pari delle inquadrature che fanno chiarezza su tanti aspetti tecnici ed alla naturalezza con cui il leader affronta i passaggi più complicati ed intricati. Da brividi le versioni di ‘Nowhere Now’, ‘Refuge/People Who Eat Darkness’, ‘Song Of Unborn’ e ‘Even Less’ ma l’intero spettacolo, costruito con abilità su crescendo strumentali e improvvisi momenti di quiete, merita un’attenzione totale per essere apprezzato nella sua genialità. La chiusura è affidata, non a caso, alla title track dell’album prodotto assieme ad Alan Parsons. Un ibrido tra jazz, prog e art rock che ha del sovrannaturale.

Tracks

Intro “Truth”
Nowhere Now
Pariah
Home Invasion / Regret #9
The Creator Has A Mastertape
Refuge
People Who Eat Darkness
Ancestral
Arriving Somewhere But Not Here
Permanating
Song Of I
Lazarus
Detonation
The Same Asylum As Before
Song Of Unborn
Vermillioncore
Sleep Together
Even Less
Blank Tapes
The Sound Of Muzak
The Raven That Refused to Sing
Steven Wilson
Steven Wilson
From: UK
http:www.swhq.co.uk

Discografia

Insurgentes (2008)
Grace for Drowning (2011)
The Raven That Refused to Sing (And Other Stories) (2013)
Hand. Cannot. Erase. (2015)
4 1/2 (2016)
To The Bone (2017)