Review - Alice In Chains : Rainier Fog

Il riff grasso e sincopato di ‘The One You Know’ introduce il sesto full lenght della band origin ... Il riff grasso e sincopato di ‘The One You Know’ introduce il sesto full lenght della band originaria di Seattle, città ... thumbnail 1 summary

Alice In ChainsRainier Fog

Alice In Chains - Rainier Fog

BMG
Pubblicato il 14/09/2018 da lorenzo becciani
Alice In Chains - Rainier Fog

Il riff grasso e sincopato di ‘The One You Know’ introduce il sesto full lenght della band originaria di Seattle, città sovrastata dal Monte Rainier, che è durata con William DuVall ben più di quello che preannunciavano gli addetti ai lavori più meschini. Il suddetto frontman è stato bravissimo a non volersi mettere in confronto a Layne Staley e farlo dimenticare con onestà e talento, oltre a contribuire al songwriting dei membri storici. In lui Jerry Cantrell ha trovato il mezzo per proseguire la propria carriera senza rimpianti e togliersi lo sfizio di sperimentare senza cadere nel ridicolo. Prima è uscito ‘Black Gives Way To Blue’ e la reazione del pubblico è stata sorprendentemente buona, poi è arrivato nei negozi ‘The Devil Put Dinosaurs Here’, che personalmente ho consumato, capace di fondere gli elementi costitutivi del passato con una produzione di stampo moderno e arrangiamenti più vari del solito. Adesso, dopo cinque anni di silenzio discografico, gli Alice In Chains danno alle stampe una gemma di rock che due personaggi dell’esperienza di Nick Raskulinecz (Foo Fighters, Deftones) e Joe Barresi (Tool, Bad Religion) hanno saputo far risplendere al meglio. Parlare soltanto di grunge sarebbe un errore, sebbene i richiami a ‘Dirt’ siano frequenti, perché la band ha saputo preservare le proprie caratteristiche senza limitarle ad un solo genere o comunque farle apparire come forzature (l’unico full lenght in cui questo è accaduto è forse solo ‘Alice In Chains’ che però uscì in un periodo terribile). ‘So Far Under’ e ‘Never Fade’ si piantano subito in testa mentre ‘Red Giant’ e ‘Deaf Ears Blind Eyes’ sono più complesse e ben si adattano alla profondità delle liriche. Il basso di Mike Inez è gigantesco in ‘Drone’, ai confini del doom e dilatata come la conclusiva ‘All I Am’ che si estende per oltre sette minuti, e Sean Kinney rappresenta la consueta garanzia dietro le pelli anche quando i ritmi si fanno più leggeri (‘Fly’ e ‘Maybe’). Davanti a risultati di questo tipo non ha alcun senso parlare di resurrezione perché l’alchimia che il frontman, attivo pure con i Giraffe Tongue Orchestra, è riuscito a trovare con il resto della band è qualcosa di miracoloso. Impossibile togliere dallo stereo un ritorno così.

Tracks

1. The One You Know
2. Rainier Fog
3. Red Giant
4. Fly
5. Drone
6. Deaf Ears Blind Eyes
7. Maybe
8. So Far Under
9. Never Fade
10. All I Am
Alice In Chains
From: USA
http:www.aliceinchains.net

Discografia

1990 Facelift
1992 Dirt
1994 Jar Of Flies
1995 Alice In Chains
1996 Unplugged
2009 Black Gives Way To Blue
2013 The Devil Put Dinosaurs Here
2018 Rainier Fog