Review - Death SS : Rock 'N' Roll Armageddon

Nessun altro avrebbe mai potuto scrivere un album dal titolo ‘Rock N’ Roll Armageddon’ senza corr ... Nessun altro avrebbe mai potuto scrivere un album dal titolo ‘Rock N’ Roll Armageddon’ senza correre il rischio di esser ... thumbnail 1 summary

Death SSRock 'N' Roll Armageddon

Death SS - Rock 'N' Roll Armageddon

Lucifer Rising Records
Pubblicato il 02/09/2018 da lorenzo becciani
Death SS - Rock 'N' Roll Armageddon

Nessun altro avrebbe mai potuto scrivere un album dal titolo ‘Rock N’ Roll Armageddon’ senza correre il rischio di essere tacciato di presunzione e, una volta compiuta una resurrezione che a molti pareva ardua se non addirittura impossibile, la creatura sonora di Steve Sylvester si è superata amplificando ulteriormente quelli che erano gli elementi costitutivi dell'album precedente. Le tastiere di Freddy Delirio introducono la magistrale ‘Black Soul’ quasi si trattasse di una macabra opera sinfonica, la colonna sonora dell’apocalisse oppure della pellicola horror definitiva. Un chorus in latino anticipano il grido ‘Save me oh Lord, save my black soul' e il leader prende subito possesso della scena, tra drappi di velluto rosso strappati e atmosfere notturne da brividi. É poi il turno della title track ed il tipico songwriting dei Death SS riemerge lampante con grande cura delle parti di chitarra, un utilizzo delle tastiere mai pomposo o scontato ed il basso di Glenn Strange in evidenza. La malinconica 'Madness Of Love' contrasta apertamente con la compattezza di 'Hellish Knights' e 'Zombie Massacre', che sembrano scritte appositamente per la dimensione live. 'Witches Dance' invece richiama alla memoria le influenze dark di 'Do What Thou Wilt' e 'The Seventh Seal' mentre 'The Glory Of The Hawk' potrebbe essere la canzone scelta per chiudere la serie televisiva Walking Dead dopo tante stagioni di successo. Il teatrino dei Death SS, a tratti barocco ed in altri frangenti industriale, riesce ancora a stupire con 'Creature Of The Night' e 'Forever', destinate a diventare dei classici grazie ad i loro refrain irresistibili. Le performance di Steve e Freddy sono poi spaventose, tecnicamente ineccepibili eppure manifesto di un'attitudine che solo in pochi possono permettersi, a suggello di una carriera che avrebbe senza dubbio meritato maggiori riconoscimenti. Lo status di band di culto sta infatti stretto a questi musicisti gloriosi che portano con onore il vessillo dell'heavy metal italiano e ancora oggi, a dimostrazione della cecità e della stupidità che dilagano un po' ovunque, sono costretti a rispondere ad accuse di blasfemia e satanismo. Da segnalare il featuring di Al Priest, chitarrista sull'iconico 'Heavy Demons', e la stupenda copertina realizzata da Alex Horley, celebre per le collaborazioni come Dark Horse Comics, DC Comics e Rob Zombie. L'ennesima gemma in una discografia che chiunque ami la buona musica, gotica e potente, deve conoscere a fondo.

Tracks

Black Soul
Rock ‘N’ Roll Armageddon
Hellish Knights
Slaughterhouse
Creature Of The Night
Madness Of Love
Promised Land
Zombie Massacre
The Fourth Reich
Witches Dance
Your Life Is Now
The Glory Of The Hawk
Forever
Death SS
From: Italia

Discografia

...in Death of Steve Sylvester (1988)
Black Mass (1989)
Heavy Demons (1991)
Do What Thou Wilt (1997)
Panic (2000)
Humanomalies (2002)
The Seventh Seal (2006)
Resurrection (2013)
Rock 'N' Roll Armageddon (2018)