Review - Molecular : Warmest Regards

Inizia con i dieci minuti di ‘Berlinesque’, questo live registrato due anni fa ai New River Studi ... Inizia con i dieci minuti di ‘Berlinesque’, questo live registrato due anni fa ai New River Studios di Londra che docume ... thumbnail 1 summary

MolecularWarmest Regards

Molecular - Warmest Regards

Hiddenseer
Pubblicato il 30/11/2017 da lorenzo becciani
Molecular - Warmest Regards

Inizia con i dieci minuti di ‘Berlinesque’, questo live registrato due anni fa ai New River Studios di Londra che documenta la coesione e l’affinità raggiunte da cinque musicisti coinvolti in una settimana di esibizioni a tasso elevato di improvvisazione. Molecular nasce come progetto a due per volontà di Pete Simonelli, cantante-poeta degli Enablers, e Lynn Wright, chitarrista degli And The Wiremen, ma ha visto poi la rotazione di una serie di performer tra i quali il violinista Simon Goff, il bassista Algis Kizys (ex Swans e Of Cabbages And Kings che si è occupato anche del mixaggio di ‘Warmest Regards’) e il drummer Sam Ospovat (Enablers, Ava Mendoza), che troviamo nei crediti. ‘Center St Monologue’ e ‘Late August’ sono probabilmente i passaggi che meglio descrivono l’intento narrativo e progressivo dell’ensemble, a dispetto della natura avanguardistica della proposta e dell’artwork minimale a cura di David Hand, alquanto collaborativo e trascinante nei confronti dell’ascoltatore. La curiosità sta soprattutto nel capire come si evolverà questa realtà determinata a stravolgere gli standard della sperimentazione in ambito pop.

Tracks

1. Berlinesque
2. Broque
3. Center St Monologue
4. Warmest Regards
5. Presence
6. Late August
7. Correspondent
Molecular
From: USA

Discografia

Warmest Regards (2017)