News - UNALTROFESTIVAL : Un festival tutto al femminile

La definizione di Unaltrofestival è nascolta tra le sue lettere: non solo un altro festival nel p ... La definizione di Unaltrofestival è nascolta tra le sue lettere: non solo un altro festival nel panorama nazionale, ma s ... thumbnail 1 summary

UNALTROFESTIVALUn festival tutto al femminile

UNALTROFESTIVAL - Un festival tutto al femminile

Pubblicato il 18/04/2019 da lorenzobecciani

La definizione di Unaltrofestival è nascolta tra le sue lettere: non solo un altro festival nel panorama nazionale, ma soprattutto un festival diverso, innovativo. Da sempre attento alle novità e in grado di spaziare tra i generi più vari, dall'indie al rock, dal pop all'elettronica, sospeso tra mainstream e alternativo, Unaltrofestival 2019 vuole andare oltre, superando ogni limite di genere.

La presenza femminile è da sempre una percentuale minima nei festival musicali. Unaltrofestival 2019 vuole proporre un invertimento di rotta, un festival in cui il 100% della line up sarà composto da artiste femminili. Perché la rivoluzione inizia dalle donne e il futuro della musica è rosa.  

www.unaltrofestival.it

ANNA CALVI

Voce ammaliante, accompagnata dall'inseparabile chitarra, Anna Calvi crea musica passionale, viscerale e intensa e i suoi live lo confermano. Dopo il successo dei suoi due album in studio, l'omonimo "Anna Calvi" del 2011, "One Breath" del 2013, e dell'Ep "Strange Weather" del 2014, la cantautrice e chitarrista inglese arriva a Unaltrofestival con il suo terzo album in studio "HUNTER", pubblicato il 31 agosto 2018 via Domino Records. L'album contiene le bellissime "Don't Beat The Girl Out Of My Boy", "As A Man" e "Hunter". Prodotto da Nick Launay (Nick Cave, Grinderman) ai Konk Studios di Londra, con una produzione aggiuntiva a Los Angeles, l'album è stato registrato insieme alla band di Anna, composta da Mally Harpaz che suona vari strumenti e Alex Thomas alla batteria. Hanno inoltre collaborato Adrian Utley dei Portishead alle tastiere e Martyn Casey dei The Bad Seeds al basso. L'album è caratterizzato da una nuova freschezza, un'energia primordiale entro la quale la Calvi supera i limiti della sua chitarra e della sua voce, spingendosi oltre qualsiasi cosa abbia registrato in passato.

JADE BIRD

Jade Bird, la nuova voce del Regno Unito, fa il suo debutto sulla scena muscicale con l'omonimo album in studio in uscita il 19 aprile via Glassnote Music - distribuzione SELF. Il 2018 è stato l'anno della svolta per la talentuosa cantautrice. Grazie a una serie di singoli incredibilmente freschi e travolgenti, si è affermata nel panorama musicale inglese e americano, tra l'alta rotazione in radio, la TV e i sold out in tutto il mondo. L'album conterrà le bellissime "Lottery", "Uh Huh" e il più recente "Love Has All Been Done Before", e sarà un viaggio straordinariamente deciso che conduce alla scoperta, alla perdita, e, soprattutto, all'osservazione dell'amore. Sin dal primissimo ascolto, sembra incredibile pensare che Jade Bird abbia solo 21 anni. Affronta, senza alcuno sforzo, temi complessi come il divorzio, la disillusione, il tradimento e la sofferenza, e il tutto è permeato dalla percezione di un cuore infranto e da una triste riflessione. Questi momenti di tristezza sono costantemente messi alla prova da brani allegri e, in generale, le tracce del disco sono legate da un'irrefrenabile energia e visione positiva dell'amore. È il sound di una giovane donna che ha il perfetto controllo della sua musica e dei suoi testi, che ha storie da raccontare e osservazioni da fare. Se il 2018 è stato per Jade l'anno della svolta, il 2019 sarà invece quello in cui spiccherà il volo.

JULIA JACKLINE

A due anni dall'esordio, "Don't Lie To The Kids", la giovane cantautrice australiana Julia Jacklin fa ritorno sulla scena musicale con "Crushing", pubblicato il 22 febbraio via Transgressive Records. "Body" e "Pressure to Party" sono i primi singolo estratti. L'album, prodotto da Burke Reid (Courtney Barnett, The Drones) e registrato presso i The Grove Studios, è uno dei migliori break-up album degli ultimi tempi. Originaria delle Blue Mountains, è cresciuta con Billy Bragg e Doris Day. A vent'anni inizia a comporre i suoi primi brani: "Con il primo album ero nervosa e non mi vedevo ancora come una musicista, ma dopo essere stata in tour per due anni, ho avuto la sensazione di meritare di essere qui". In tutto "Crushing" questo ritrovato senso di fiducia si manifesta in uno degli elementi più essenziali dell'album: la forza accattivante dei suoi testi, un songwriting intelligente e sincero.

VIDEOCLUB

I Videoclub nascono dall'incontro tra Adèle Castillon - attrice, YouTuber e cantante - e Matthieu Reynaud - compositore e cantante. Il loro singolo "Amour Plastique", con oltre 7Mln di views su Youtube e oltre 3 Mln di stream su Spotify, è in alta rotazione sulle radio italiane. "Roi" è il loro nuovo singolo.

EUGENIA POST MERIDIEM

Eugenia Post Meridiem prende forma nell'estate 2017 dall'incontro di Eugenia (voce, chitarra) con Matteo (basso), Giovanni (chitarra solista, tastiere) e Matteo (batteria, percussioni). Ad agosto 2018 presso il Big Snuff Studio di Berlino i ragazzi registrano il loro primo lavoro in uscita nel 2019: "In Her Bones". Un album di nove tracce in cui si dipanano immagini di ricordi remoti, memorie dei viaggi, che tutti convergono in un'affermazione di poetica: l'Arte è tutti quei momenti - di cui il meriggio (meridiem) è rappresentazione esemplare -  in cui si prova, si avverte, quasi fisicamente, l'Eternità. La musica (l'Arte) è tutto quello che, con una vaga sensazione di mancanza e nostalgia, si crea a seguito (post meridiem) di questi momenti.