News - BLACK REBEL MOTORCYCLE CLUB : Little Things Gone Wild

I BLACK REBEL MOTORCYCLE CLUB stanno ultimando il loro ottavo album “Wrong Creatures”, che segue ... I BLACK REBEL MOTORCYCLE CLUB stanno ultimando il loro ottavo album “Wrong Creatures”, che segue “Specter At The Feast” ... thumbnail 1 summary

BLACK REBEL MOTORCYCLE CLUBLittle Things Gone Wild

BLACK REBEL MOTORCYCLE CLUB - Little Things Gone Wild

Pubblicato il 12/09/2017 da lorenzo becciani

I BLACK REBEL MOTORCYCLE CLUB stanno ultimando il loro ottavo album “Wrong Creatures”, che segue “Specter At The Feast” del 2013, in uscita il 12 gennaio 2018 su [PIAS], distribuzione Self. 

Questo il primo singolo estratto:

http://smarturl.it/BRMC-WrongCreatures


I BRMC – Peter Hayes (voce, chitarra e armonica), Robert Levon Been (voce, basso, chitarra) e Leah Shapiro (batteria) – hanno iniziato a pensare a questo album nell’estate 2015. Shapiro aveva subito un’operazione al cervello sei mesi prima per la Malformazione di Chiari, un raro disturbo che restringe il flusso del liquido spinale tra cervello e spina dorsale. Il trio ha dovuto interrompere il tour e iniziare a concentrarsi sulle nuove canzoni nella loro sala prove privata, chiamata “The Bunker”, a North Hollywood. “È una macchina impazzita, può risucchiarti completamente, siamo stati in tour finché le gomme non sono esplose e il cervello di Leah non ha cominciato ad uscirle dalla testa” spiega Been “Io ho combattuto con la depressione e anche la testa di Pete ha avuto di problemi”.

Nick Launay, famoso per il suo lavoro con Yeah Yeah Yeahs, Arcade Fire e Nick Cave & The Bad Seeds, è arrivato per produrre l’album, diventando una parte fondamentale per la macchina dei BRMC. “Ho cominciato a scrivere molto sulla morte,” dice Heyes “a discutere con la morte. Anche se suona molto scuro, per me è dark humor”. Been aggiunge “Siamo davvero un’isola, qualunque cosa accada, quindi di solito è meglio essere vestiti conformemente. Non so che abiti bisogna indossare quando si annega nelle fiamme, ma la pelle di solito va bene per tutto”.