Interview - Tremonti : USA

E' bello risentirti dopo l'esibizione degli Alter Bridge al Viper di Firenze. Quel concerto è anc ... E' bello risentirti dopo l'esibizione degli Alter Bridge al Viper di Firenze. Quel concerto è ancora negli occhi dei pre ... thumbnail 1 summary

TremontiUSA

Tremonti - USA

Pubblicato il 31/08/2012 da lorenzobecciani

E' bello risentirti dopo l'esibizione degli Alter Bridge al Viper di Firenze. Quel concerto è ancora negli occhi dei presenti e lo stato di grazia che vantavi allora sembra accompagnare le tue prime canzoni soliste..
Sei molto gentile. E' sempre bello venire in Italia. Siete un pubblico fantastico e torneremo presto a trovarvi. Sicuramente la prossima estate con gli Alter Bridge ma forse anche prima con questo progetto che mi sta impegnando molto.

Quanto tempo hai impiegato per comporre e registrare le canzoni di 'All I Was'?
Alcune idee sono molto vecchie e risalgono a precedenti sessioni con gli Alter Bridge o i Creed. Per focalizzare tutto c'è voluto circa un mese e mezzo. A quel punto ero pronto a registrare con l'aiuto di Eric Friedman e Garrett Whitlock. Il primo l'ho conosciuto al NAMM quando aveva quindici anni mentre il secondo al momento di produrre il disco dei Submersed. La sfida più grande è stata quella delle liriche, non avevo mai scritto niente in passato. Con le altre band spesso capitava che iniziassi un testo e poi venisse cambiato da altri. Anche perché sono dell'avviso che sia sempre meglio cantare quello che si è scritto per essere stimolato dal messaggio che si intende trasmettere.

Canti veramente bene in 'The Things I've Seen'. Come hai raggiunto tali livelli?
Ho provato a cantare per tutta la vita. Mi è venuto naturale visto il mio impegno come songwriter.

Qual è il brano di cui sei più orgoglioso?
Mi piacciono un pò tutti ma se proprio devo scegliere direi 'Wish You Well' per il suo profilo armonico. Il brano più complicato da portare a termine è stato invece 'Decay' e per questo ho deciso di inserirlo alla fine della scaletta.

Il successo ottenuto in questi anni ti ha cambiato la vita?
Non molto. E' tutto più incasinato perché devi tenere sotto controllo molti aspetti ma allo stesso tempo mi ritengo fortunato di potere fare un lavoro del genere. L'obiettivo è quello di crescere come songwriter e scrivere canzoni sempre migliori.

'All I Was' rimarrà un progetto isolato oppure è previsto un successore?
E' ancora troppo presto per parlarne ma è mia intenzione mantenere il progetto sulla bocca della gente.

Quali sono i tuoi progetti con gli Alter Bridge?
In questi giorni stiamo lavorando a tre canzoni. Il piano è di entrare in studio a dicembre-gennaio per registrare il nuovo disco.

Puoi svelarci qualche dettaglio tecnico di 'All I Was'?
Ho registrato quasi tutto il disco con un Mesa Boogie Triple Rectifier e un Cornford RK100. L'effetto più utilizzato è stato il Toneczar Echoczar.

Hai mai suonato una chitarra a sette corde? Cosa pensi del djent?
Ne ho una ma non sono ancora riuscito ad utilizzarla su un disco. Mi piacciono molto i Meshuggah ma non so bene cosa sia il djent.

Sei per gli assoli oppure i riff?
Sicuramente riff. Il mio interesse è rivolto verso il songwriting. 

Tremonti
Tremonti
From: USA
http:www.marktremonti.net

Discografia

2012 – All I Was
2015 – Cauterize
2016 – Dust
2018 – A Dying Machine