Interview - Gogol Bordello : USA

Oggi è veramente caldo a Pistoia ma sembri abituato a queste temperature..Sì perch& ... Oggi è veramente caldo a Pistoia ma sembri abituato a queste temperature..Sì perché ho vissuto in B ... thumbnail 1 summary

Gogol BordelloUSA

Gogol Bordello - USA

Pubblicato il 27/07/2017 da lorenzo becciani

Oggi è veramente caldo a Pistoia ma sembri abituato a queste temperature..
Sì perché ho vissuto in Brasile per diversi anni anche se provengo da un posto molto freddo.

Pistoia Blues è una rassegna musicale storica. Qual è la tua connessione col blues?
Questa è una bella domanda. Il blues è una musica di sofferenza o almeno con la quale si cerca di elevarsi al di sopra della sofferenza quindi tutti i tipi di musica sono blues. In realtà non credo ci sia nessuno al mondo che non è connesso al blues. Il blues afro-americano, in particolare, rappresenta l’influenza principale per la musica rock.

Avete da poco pubblicato il singolo ‘Saboteur Blues’. Di cosa parla?
Di quella malinconica e triste condizione per cui tutti hanno paura che avvenga qualcosa da un momento all’altro. Il novanta per cento della popolazione è consumato dalla paura per il domani a causa di una quantità impressionante di spazzatura in cui è incappato in passato. Una condizione di vita psicotica, tipicamente occidentale, che viene quasi accettata come normale.

Entrando sulla vostra pagina web posso leggere “Not all seekers will be finders”...
Penso sia vero. In un senso spirituale ma anche in generale. Magari troviamo qualcuno senza saperlo e c’è un po' di confusione in tutto questo.

Un tipo di confusione positiva o negativa?
Non saprei. Solo che non ci dovrebbe essere tutto il tempo. Personalmente cerco uno stato mentale più elevato. Sono molto orgoglioso della title track che vede la partecipazione di Regina Spektor. I duetti sono la mia passione.

Senti di dovere cercare ancora qualcosa come musicista?
No però mi piace muovermi avanti. Avrei potuto essere un pittore, mio zio è un pittore piuttosto famoso..

Il nuovo album è davvero magnifico. Com’ è stata l’esperienza di auto-produzione?
Grazie di cuore. Pensavo fosse facile ma non lo è stata affatto. Anzi, ho impiegato cinquanta volte il tempo che avrei impiegato scegliendo di lavorare con altre persone. Ma questo è accaduto soprattutto a causa mia. Non ho degli orari precisi e mi capitava di entrare in studio alle tre del mattino. L’ingegnere del suono era spaventato dai messaggi che potevano arrivargli a qualunque ora sul cellulare.

Cosa desideravi cambiare o migliorare rispetto a ‘Pura Vida Conspiracy’?
Quello è stato un album davvero metodico. Andrew Scheps ha lavorato con artisti incredibili come Red Hot Chili Peppers, Metallica e Black Sabbath ed il processo è stato totalmente diverso. Finimmo tutto in due settimane senza stress particolari. Stavolta volevo seguire un’altra strada. Durante le sessioni ho perso la voce e non mangiavo quindi avevo poco zucchero nel sangue. ‘Seekers And Finders’ è un lavoro in studio davvero magico e dinamico, pieno di crescendo, di balli attorno al fuoco e di passaggi sui carboni ardenti.

Oltre al primo singolo quali altri pezzi pensi che possano diventare dei classici delle vostre setlist?
Non saprei. Di sicuro non ‘You Know Who We Are (Uprooted Funk)’ perché parla di politica e di argomenti che non avrei più voluto affrontare dopo ‘Sally’. Poi ci sono state le elezioni americane e non ho potuto fare altrimenti.

Che rapporto hai con il nostro paese?
Davvero bellissimo tanto che torneremo a dicembre al Live Club di Trezzo sull’Adda. Nell’ultimo tour abbiamo suonato in posti al chiuso stupendi come a Brighton, Parigi o Milwaukee ma siamo grati di avere l’opportunità di esibirci in una piazza medievale così bella come quella di Pistoia, oppure in castelli o grandi arene ai festival. Mi piacciono le favole di Rodari e, quando lasciai l’Ucraina per New York, la mia punk band di allora si sciolse e il batterista si trasferì a studiare in Vaticano e vi è rimasto quattro anni. Quindi c’è un collegamento speciale, credeteci oppure no.

(parole di Eugene Hütz)

Gogol Bordello
From: USA

Discografia

Voi-La Intruder (1999)
Multi Kontra Culti vs. Irony (2002)
J.U.F. (2004)
Gypsy Punks: Underdog World Strike (2005)
Super Taranta! (2007)
Live from Axis Mundi (2009)
Trans-Continental Hustle (2010)
??? ????????? (2011)
Pura Vida Conspiracy (2013)
Seekers and Finders (2017)